Vuoi studiare la omeopatia?

Ora ho 40 anni. Inizio a studiare l’omeopatia quando avevo 20 anni. Fu attratto da questa scienza a motivo di diversi aspetti molto interessanti. Per esempio il fatto che le potenze alte non hanno più una traccia della sostanza originale. A quel tempo leggevo molti libri sulla fisica quantistica. L’omeopatia in effetti era solo un passo in più per ampliare il mio modo di vedere la realtà fisica.

Per dire la verità avevo un vantaggio molto importante per iniziare i miei studi sulla omeopatia: la conoscenza delle lingue tedesco e inglese. Senza questi due lingue diventa difficile trovare le informazioni più attuali sia sulla omeopatia che anche su la scienza in generale. Uno dei motivi per il quale ho iniziato a scrivere questo blog è di diffondere le notizie sui sviluppi recenti.

Se sei arrivato qui e ti interessi per la omeopatia, allora fermati e rifletti prima e poniti queste due domande: quanto tempo vuoi impiegare per lo studio e per quali motivi vuoi studiare la omeopatia?

L’omeopatia non è solo una tecnica di medicina alternativa. Infatti è piuttosto un modo di pensare. Impiegherà molto di più tempo che imparare una lingua.  Una persona umana riesce forse a imparare 20 lingue in 20 anni di vita, ma imparerà solo una forma di arte nella sua vita di poca durata.

Per me personalmente è valso la pena. Lo dovevo fare. Ero costretto. Potresti anche chiedere ad un artista di disegno o di musica se si può immaginare di non aver imparato la sua arte. Forse ora di rendi conto, che l’omeopatia non è solo un corso di due settimane.

La legge universale

Non esistono molti libri nella lingua italiana sulla omeopatia, ma meno male che esiste questo capo lavoro di George Vithoulkas (ricordatevi questo nome).

Il libro “La Scienza dell’Omeopatia” rappresenta una ottima introduzione sulla omeopatia e sulla legge universale della similitudine. Questo deve essere il tuo primo libro e di sicuro non sarà il tuo ultimo.

Il secondo libro simile a questo è stato scritto da James Tyler Kent. Lui ha ravvivato l’omeopatia al inizio del ventesimo secolo e ha posto le basi per una omeopatia più accurata. L’arte di Vithoulkas viene anche chiamata la “Kentiana” (in tedesco “Kentsche Homöopathie”).

“Lezioni di omeopatia” approfondisce lo studio sulla omeopatia dopo che avete letto il libro di Vithoulkas. Kent menziona molti paragrafi dal libro più importante della omeopatia, il Organon di Samuel Hahnemann.

(Nota: questo libro si può leggere anche online!)

Il Organon lo ho studiato minimo tre volte in questi 20 anni. È molto profondo e si capisce che tipo diligente, alacre e severo Samuel Hahneman era. Il fondatore della omeopatia non era una persona qualunque. Già con solo 12 anni traduceva libri scritti in antico greco nel tedesco o in latino per gli studenti della università di medicina. Era una persona integra, non aveva nessuna paura dai critici e aveva la abitudine di esporre la loro ignoranza con audacia. Un vero pioniere della scienza.

Ora se avete una buona conoscenza dell’inglese vi suggerisco di studiare il “Corso (o lettura) sulla Materia Medica Omeopatica” di James Tyler Kent.

Grazie a nuove tecnologie come Google queste pagine web si possono tradurre dal inglese in italiano.

“Corso (o lettura) sulla Materia Medica Omeopatica” tradotto da Google (risolto il problema).

Iniziate con un rimedio “piccolo” come la Allium cepa, la cipolla e mentre che leggete questo testo iniziate anche il vostro primo sperimento su di voi stessi. Cosi si impara in modo molto vivace. Tagliate una cipolla e osservate tutti i sintomi. Ti cola il naso? Ti viene il mal di testa? Fai delle note, osserva in modo molto attento, cerca di capire quale è “il messaggio” della cipolla. Se sei abbastanza sensibile riesci anche a capire come questo rimedio influisce le tue emozioni e la tua mente. Ti senti un po misantropico? Allora se alla fine di un certo esperimento ti rendi conto che la cipolla si difende da predatori con un gas di acido solforico e può sanare una persona con sintomi simili provocati da questa pianta della famiglia delle Liliaceae, allora amico ben venuto nel club degli omeopatici. Riceverai un certificato di studio tramite email dopo aver fatto anche 40 flessioni. (Sto scherzando … ma la verità è che nessun certificato può attestare la capacità di un bravo omeopata. Si deve lavorare molto sodo per imparare questa arte).

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *